Crostata con crema pasticciera


Print Friendly, PDF & Email


La crostata con crema pasticciera ė una dei miei dolci preferita. La pasta frolla  sì può cuocere insieme alla crema oppure cuocerla vuota e in seguito farcirla con crema e uno strato di frutta fresca. Per profumare sia la pasta frolla che la crema ho usato un limone raccolto sta mattina da uno dei miei alberi di agrumi. Potete sostituire il limone con soltanto i semini del bacco di vaniglia oppure con un altro agrume: il profumatissimo bergamotto, o arancio o mandarino.  

Ingredienti per la crostata con crema pasticciera

(per 8 persone)

Per la pasta frolla 

  • 300 gr di farina 00
  •   80 gr di zucchero semolato
  • 150 gr di burro freddissimo
  • oppure 130 gr di olio di riso
  • zest (buccia grattugiata) di 1 limone (dal mio albero)
  •     1 uova intero
  •     1 tuorlo

Per la crema pasticciera 

  • 500 gr di latte
  •   80 gr di zucchero
  •    80 gr (4) tuorli d’uovo
  •  20 gr di farina
  •  20 gr di maizena (amido di mais) oppure amido di riso
  • buccia di limone (oppure un altro agrume)
  • semini di vaniglia

Per la crema pasticciera aumentata x 1.5 

  • 750 gr di latte
  • 120 gr di zucchero
  •  120 gr (6) tuorli d’uovo
  •  30 gr di farina
  •  30 gr di maizena (amido di mais) oppure amido di riso
  • buccia di limone (oppure un altro agrume)
  • semini di vaniglia

Inoltre

  • 300 gr di fragole o altra frutta fresca
  • zucchero sl velo per spolverare

 

Procedimento per la crostata con crema pasticcera

Per la pasta frolla, mettete in una ciotola  la farina, lo zucchero, un uova un tuorlo e  lo zest di limone.  Grattuggiate il burro freddissimo e versarlo nella ciotola oppure versateci dentro l’olio.  Impastate velocemente. Formate un panetto, avvolgetelo nella pelicola e lasciatelo riposare in frigo per 60 minuti oppure nel freezer per 15 minuti.

Nel frattempo preparate la crema pasticciera vulcanica. Mettete una ciotola a raffreddare bene nel congelatore. La crema una volta cotta va raffreddata subito dentro un abbattitore oppure dentro un altra ciotola più grande contenente il ghiaccio e acqua fredda. Setacciate le polvere: la farina e la maizena.  Versate il latte in una pentola insieme a qualche pezzo di buccia di limone. In un’altro recipiente o dentro la planetaria montate bene i tuorli con lo zucchero e la vaniglia con la frusta.  Aggiungete le polvere setacciate  e mescolate bene. Portate il latte a bollore, eliminate le bucce di limone e versate sopra il composto di uovo ma non mescolate.   Appena ricomincia a bollire  e  forma  un  vulcano, abbassate la fiamma al minimo e mescolate con la frusta. Continuate a mescolare finché la crema non si addensa.  Versate la crema dentro la ciotola fredda che avete messo prima nel congelatore. Coprite con la pellicola a contatto con la crema, e lasciate raffreddare a bagno maria dentro un’altra ciotola più grande pieno di ghiaccio e acqua fredda.

Adesso passiamo alla pasta di frolla. Accendete  il forno a 170 gradi C.  Stendete la pasta sopra un foglio di carta da forno leggermente infarinata. Capovolgete la pasta dentro uno stampo da crostata di 28 o 30 cm in diametro.  (Per la teglia di 30 cm consiglio di aumentare la dose della crema per 1.5). Non occorre ungere lo stampo. Fate aderire bene la frolla ai bordi. Bucherellate la superficie così non si gonfia durante la cottura.
Per la cottura alla cieca, cioè una pasta frolla vuota, posizionare sopra un disco di carta forno più grande dello stampo e appoggiarci sopra le sfere di ceramica. Se non l’avete potete usare dei fagioli secchi oppure un coperchio di acciaio o alluminiò.  Fate cuocere la pasta frolla alla cieca per 15 minuti a 170 gradi C.   Togliete la carta forno insieme alle sfere di ceramiche.  Abbassate la temperatura a 160 gradi C e finite la cottura per altri 20 minuti.   Togliete la crostata vuota dal forno e lasciate raffreddare.


Mescolate le crema pasticciera con una spatola, versatela dentro la crostata vuota  

e alienatevi sopra uno strato di fragole precedentemente lavate e tagliate a fette.


Spolverate con un po’ di zucchero al velo che formerà una leggera patina evitando che la frutta si ossida.


In alternativa potete  foderare con la pasta frolla uno stampo con fondo amovibile per torta da  24-26 cm in diametro. Versate  la crema dentro la pasta frolla cruda. Coprite con strisce di pasta frolla e cuocete tutto insieme a 170 gradi C per 40 minuti circa.  Togliete dal forno e fate intiepidire. Spolverate con lo zucchero al velo prima di servire.

In questa versione ho usato una teglia  di 30 cm in diametro e ho aumentato le dose della crema x1.5. Sopra ci ho messo le fragole e fragolini  di bosco prese dal mio giardino.

Variazione:

Crostata con crema pasticciera -monodose 

 

In questa versione dividete L’impasto in 8 porzione. 

Stendete ogni panetto in un disco di 15 cm in diametro.  Bucherellate con una forchetta e cuocete per 20 minuti a 170 gradi C.
Fate raffreddare, togliete dai stampini e farciti come descritto sopra.

 


Fragole con crema pasticciera, crumble e mandorle

Stendete il composto di crumble, in un unico strato, dentro una teglia ricoperta da carta forno. Cuocete nel forno preriscaldato a 200 gradi C per 20 minuti. Togliete dal forno e lasciate raffreddare.   Appena esce dal forno il crumble risulta morbido ma raffreddandosi si asciuga e diventa croccante. Spezzettare il crumble e fate strati di fragole, crema e crumble.
La ricetta del crumble la trovate nel mio blog qui:  http://cucinadigiugen.altervista.org/crumble-di-mele…/

Crumble di mele – ricetta