Pane chapelet (rosario)

Condividi
  • 13
  •  
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    22
    Shares

Pane chapelet (il rosario)
La forma del Pane ‘chapelet’ (rosario) è francese.  Nella superficie c’è un disegno che sembra appunto un rosario. Con il sequente impasto si ottengono 5 pagnotte.

Ingredienti per il pane chapelet (rosario)

  • 1500 gr di farina 0
  •  200 gr di semola di grano duro rimacinata
  • 1000 gr di  acqua minerale naturale
  •      4 gr di lievito di birra fresco
  •    22 gr di sale (3 cucchiaini )
  •    60 gr di criscito/pasta da riporto (lievito madre non rinfrescata)
  •    10 gr (1 cucchiaio) di olio evo (extra virgine d’oliva)
  •     10 gr (1 cucchiaio di miele d’acacia)
  •       1 tuorlo d’uovo

Procedimento per il pane chapelet (rosario)

Setacciare la farina. Nella planetaria (oppure in una bastardella se impastate a mano) scioglere il lievito di birra e il criscito nell’acqua.  Io uso acqua minerale naturale perchè l’acqua di Roma è molto dura e contiene molto calcio.  Aggiungere un pò di farina e avviare la planetaria con il gancio.   Aggiungere piano, piano metà della farina, poi il sale, e infine il resto della farina e l’olio.   Impastare bene finchè non si stacca dai bordi.

Trasferire sulla spianatoa di legno spolverata di farina e lavorare a mano fino a fornare una palla morbida, omogenea e liscia.  Spolverare di farina  e fare tre pieghe . Lasciare ripsare 15 minuti e ripetere le pieghe altre tre volte.  Lasciare lievitare in un contenitore di plastica con coperchio oppure in una terrina coperta di pellicola  finchè non ha triplicato il suo volume (circa 5 ore)

Dividere l’impasto  come  segue :  5 panetti di 50 gr ciascuno e 5 in eguale peso  (circa 600 gr).
Dare la forma a pagnotta ovale al panetto  di 600 gr.  Con il panetto di 50 gr  fare un rotolo della lunghezza della pagnotta. Con la mano messo verticalmente cercare di arrotolare l’impasto per formare una pallina ogni 2 o 3 cm , a forma di un rosario, ercando di non rompere l’impasto. Con un mattarello piccolo fare un incavo al centro della pagnotta per tutta la sua lunghezza.

Pane chapelet (il rosario)
Spolvere di farina la pagnotta sotto e sopra. Con un pennello togliere via l’eccesso di farina dall’incavo.

Pane chapelet (il rosario)

Posizionare il rotolo dentro l’incavo della  pagnotta e adagiare su una teglia da pagnotte/ciabatte oppure su una teglia coperta da carta da forno.

Pane chapelet (il rosario)

Coprire con la pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio del suo volume (1 o 2 ore).

Pane chapelet (il rosario)

Accendere il forno a gas a 220 gradi e posizionare la pietra reffrattaria nel secondo livello (nel forno elettrico va messa bassa vicino ala resistenza).  Con un termometro da forno assicurarsi che abbia raggiunto 220 gradi.

Spennellare con il tuorlo d’uovo la parte centrale delle pagnotte.  Accendere la ventola del forno a gas e infornare  le pagnotte con a teglia a 220  gradi x 20 minuti.  Abbassare la temperatura a 180 gradi e proseguire la cottura per 15 minuti.  Fare scivolare le pagnotte dalle teglia direttamente sulla pietra reffrattaria e proseguire la cottura per altri 20 minuti fino doratura.

Pane chapelet (il rosario)

Il pane deve risultare croccante.  Spegnere il forno e la ventola e lasciare il pane dentro per altri 10 minuti con lo sportello del forno leggermente aperto.  Togliere dal forno e lasciare raffreddare.

Pane chapelet (il rosario)

Ispirazione della forma presa da http://techno.boulangerie.free.fr/09-ReussirLeCAP/03-lesFormesEnVideo.html


Condividi
  • 13
  •  
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    22
    Shares
  •  
    22
    Shares
  • 13
  •  
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Crostata multigusti Successivo Phyllo pastry (pasta fillo)

5 commenti su “Pane chapelet (rosario)

  1. Anonymous il said:

    Ciao Giulia, Mi fa molto piacere scoprire questo tuo blog.Le tue ricette sono sempre stupende e spiegate alla perfezione.E’ bello poter trovarle tutte in questo blog.Ti faccio i miei migliori Auguri.Barbara Scigliano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.